AUTO ELETTRICHE IN CRESCITA MA MANCANO LE COLONNINE DI RICARICA

Auto Elettriche

Nella Capitale il numero di auto elettriche prosegue ad aumentare. Peccato però che, per 6.000 veicoli presenti sul territorio romano, ci siano solo 339 colonnine di ricarica. Per arginare questo divario il Comune da tempo sta cercando di implementare il servizio. Ma ad oggi, la richiesta, rispetto all’offerta è ancora bassa. I benefici di chi sceglie infatti di acquistare un’auto ibrida sono decisamente vantaggiosi. Una su tutte: l’agevolazione fiscale sul bollo auto. L’esenzione del bollo, si protrae per ben 3 anni.

E, come riportato sul sito Automobilie.it, i possessori di un’auto ibrida, possono accedere anche a vantaggiose polizze assicurative agevolate. Un ulteriore vantaggio per chi, sceglie di sostenere l’ambiente e ridurre di conseguenza l’inquinamento atmosferico, erano in vigorie (già dal primo agosto scorso fino al 31 dicembre 2020), incentivi statali legati alle emissioni di CO2 emesse delle vetture che interessano le ibride, sia le PHEW che le Mild Hybrid, auto che presentano un sistema propulsivo compost da un’unità termica e una elettrica. Questo permette di ottenere ottime performance senza incidere sui consumi di carburante. Gli incentivi previsti come riportato in maniera dettagliata e sempre su Automobie.it, sono i seguenti:

Emissioni di CO2 comprese tra 21 e 60 g/km e costo inferiore ai 60.000 euro Iva inclusa: 2.500 euro di incentivo a fronte di uno sconto del concessionario di almeno 1.000 euro se non c’è rottamazione. Incentivo di 4.500 euro a fronte di uno sconto di almeno 2.000 euro se si rottama. Emissioni di CO2 comprese tra 61 e 90 g/km e costo inferiore ai 48.800 euro Iva inclusa: 1.000 euro di incentivo a fronte di uno sconto del concessionario di almeno 1.000 euro se non c’è rottamazione. Incentivo di 1.750 euro a fronte di uno sconto di almeno 2.000 euro se si rottama. Emissioni di CO2 comprese tra 91 e 110 g/km e costo inferiore ai 48.800 euro Iva inclusa: 750 euro di incentivo a fronte di uno sconto del concessionario di almeno 1.000 euro se non c’è rottamazione. Incentivo di 1.500 euro a fronte di uno sconto di almeno 2.000 euro se si rottama.

Detto questo concludiamo l’articolo con una piccola curiosità. Sul sito specializzato di Emissions Analytics: l’inquinamento dovuto all’usura dei pneumatici può essere addirittura 1.000 volte peggiore di quello che esce dallo scarico di un’auto . Il particolare nocivo dei pneumatici infatti, ma anche l’usura  dei freni, è un problema ambientale in crescita.

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente

L'ENERGIA NUCLEARE ? 'PARLA' SEMPRE RUSSO

Articolo Successivo

RENZI: DA ROTTAMATORE A DEMOLITION MAN

Articoli Correlati
Total
1
Condividi