MENS SANA IN CORPORE SANO: 7 APRILE GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE

E dopo la Giornata mondiale della felicità 2021: 20 marzo,, eccoci oggi, 7 aprile, dedicato a quello della Salute, inteso come star bene nel senso più ampio che possiate immaginare. Parlare di salute in questo periodo di emergenza sanitaria è difficile ma è anche necessario, per non perdere la speranza e continuare a fare progetti per il futuro. Se la felicità è indiscutibilmente per tutti noi star bene, magari pensando di programmare una fuga, un viaggio in luoghi che ci facciano stare bene, sconfiggere il virus che ci annoia oramai da molti mesi, è il minimo sindacale per sentirci in buona salute.

Attenzione però, la giornata mondiale della salute cosi come la intende l’ONU, che si “diverte” a istituire giornate dedicate di volta in volta a qualche bella cosa (dal 1950 la Giornata Mondiale della Salute  è la World Health Day e si celebra il 7 aprile per ricordare la fondazione dell’Oms avvenuta il 7 aprile 1948) non è un evento che si riduce ai lavori di un giorno, ma è ogni volta il punto di partenza di un percorso mirato a migliorare le condizioni di salute in tutto il mondo.

E allora senza andare troppo lontani, perché non riflettiamo sul benessere della salute quotidiana e non facciamo nostre queste pratiche semplici a portata di mano?

Siamo quello che mangiamo, diceva un antico saggio filosofo (che ispirava tral’altro anche l’azione di Marx ed Engels), ecco iniziamo il nostro percorso da qua.

Acqua-movimento-dieta- ozio ciceroniano-socialità. Potremmo riassumere in questi 5 punti l’essenza e la ricerca del benessere che porta, poi, alla Salute, mentale e fisica con pochi sforzi, tuttosommato.

Vogliamo banalizzare un attimo? E sia! Acqua da bere, da immergersi, da far scorrere: al mattino appena svegli beviamo due bicchieri di acqua e limone, meglio se tiepidi. I nostri organi si svegliano e si attivano subito dopo ore di sonnolente riposo. Bere parecchio anche durante la giornata, per restare idratati e cosi idratare il corpo anche con le benefiche abluzioni con l’elemento più antico che c’è. La pratica di immergersi con regolarità nell’acqua, che non scopriamo noi moderni, era degli antichi romani che disponevano di 12 terme aperte e gratuite, dono degli imperatori al popolino. Ogni meridium si chiudeva con le abluzioni, una benefica abitudine per il corpo e per la mente.

Muoviamoci prima di sederci. Muoviamoci dopo essere seduti da troppo tempo. In ogni senso…muoviamoci! Per essere pigri c’è sempre tempo, c’è…l’ozio ciceroniano, quella bella ricerca del tempo per sé, per le nostre abitudini che ci avvicinano alla migliore salute mentale possibile, fatta di relax, di studio, di pensieri positivi, di ricerca di sé e degli altri. Socialità, appunto. Scegliamo – senza fretta- i nostri interlocutori, chi ci può dare meglio e di più…benessere e salute, ancora una volta. A loro, proprio a loro daremo tanto del nostro benessere interiore restituendo tanto di noi.

Dieta, che è anche mentale e non solo di stomaco. Morigerati nelle porzioni, attenti a variare cibi e ingredienti, il benessere che si coltiva a tavola in compagnia o da soli, purchè rallentati e soddisfatti. Dieta controllata è anche purificarsi: ce lo insegnano i musulmani, che hanno un periodo dell’anno ben definito per la loro dieta che è soprattutto mentale e di purificazione.

E poi c’è chi sta bene e in salute con gli gnocchi al giovedì, la trippa al sabato e la gricia alla domenica. Beh, allora?…e che je voi di?!Siamo quello che mangiamo.

Total
10
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente

ROMA CAPITALE DELLE DISCARICHE ABUSIVE

Articolo Successivo

NEL IX MUNICIPIO AL VIA I LAVORI PER LE PRIME SCUOLE A CECCHIGNOLA

Articoli Correlati
Total
10
Condividi