La Classifica dei peggiori film del 2022

Peggiori Film 2022

Quando i critici cinematografici dismettono giudizi negativi, siamo spesso chiamati “significati”. E se fosse davvero così, la nostra lista dei peggiori film dell’anno sarebbe la cosa più meschina che facciamo. Tuttavia, dove la parola significare suggerisce un elemento di malizia, ci piace pensare che questa particolare occasione di insulto e invettiva non sia davvero su di noi. Si tratta di film che erano, in effetti, così brutti che ci hanno quasi sfidato a descrivere tutti i modi in cui sono andati così male. Se pensi che siamo cattivi, allora così sia. Vorremmo pensare di essere solo accurati.

1. Amsterdam

Amsterdam

Foto: Merie Weismiller Wallace; SMPSP

Un film terribile può essere noioso. Oppure può essere paralizzante, grattandosi la testa WTF incoerente. Oppure può essere stravagantemente fastidioso e innamorato di quell’aspetto stesso di se stesso. Il bizzarro fiasco di David O. Russell gestisce la dubbia distinzione di essere tutti e tre contemporaneamente. Fin dall’inizio, mentre Christian Bale (in un’evoluzione di make-up troppo lontana) e John David Washington si fanno una chiasso d’autopsia imminente per ragioni che sfuggono del tutto al pubblico, il film non riesce a decidere di cosa si tratta. Ambientato in un’America degli anni ’30 che sembra sotto vetro, “Amsterdam” rivela che Bale, Washington e Margot Robbie fanno parte del meno frizzante dei triangoli amorini, ma la vera trama riguarda un tentativo di acquisizione fascista, che in realtà è avvenuta. Quando il film arriva, vorresti che Russell potesse ricominciare da capo con quella realtà e abbandonare il tiraggio che ha inventato.

2. Minions: l’ascesa di Gru

Minions L'ascesa di Gru

Foto: Universale

Quando un sequel animato non serve a più di una mucca da mungere che viene mungitura a secco, può essere un affare stranamente senza vita. Forse è per questo che la quinta voce della serie “Despicable Me” sembra la 105a. Quando ti siedi a guardarlo, almeno lo sai: i Minions andranno a Minion. Ma anche per questo fan di “Minions”, hanno logorato la loro accoglienza gobbldygook – e anche Gru, presentato qui come un bambino di 11 anni che sogna di diventare un supercattivo… ma questo è tutto il problema. Ha già deciso cosa sarà, derubando la storia del suo fattore “rnimento” e facendo sembrare che Gru sapesse sempre che era il suo destino essere una action figure di McDonald’s.

3. Bones and All

OSSA E TUTTI, da sinistra: Taylor Russell, Mark Rylance, 2022. ph: Yannis Drakoulidis /© MGM /Courtesy Everett Collection

Foto: ©MGM/Courtesy Everett Collection

E se facessero una fantasia di terremoto giovanile cannibale e a nessuno importasse? Questo YA-road-movie-meets-fashion-show, con Timothée Chalamet e Taylor Russell nei panni di carne che non sono zombie (seriamente, sono simpatici! e sexy! e noioso!), è uscito dal Festival di Venezia come una casa di “Twilight” hype in fiamme. È atterrato con un tonfo, perché il pubblico ha scoperto che per due ore e 10 minuti non succede quasi nulla. Abbiamo più che abbastanza tempo per sganciare i buchi oversize nei jeans di Chalamet, che rivelano una serie di ossa quasi nude come la sceneggiatura.

4. Firestarter

Zac Efron è Andy in Firestarter, diretto da Keith Thomas.

Foto: Credito fotografico: Ken Woroner/Univer

Perché rifare uno dei peggiori film di Stephen King degli anni ’80? Per dimostrare che puoi farne una versione ancora peggiore. Questo si chiama l’orrore dell’IP. Il film di Drew Barrymore del 1984 ha interpretato una delle metafore di King per la rabbia inarrestabile, ma la nuova versione è sovrattata con svolte complottazionali cospiratorie che sono molto cut-and-dried. I set esplodono in incendi di grandi dimensioni, ma il film non prende mai fuoco.

5. Three Thousand Years of Longing

Tremila anni di anizione

Foto: Collezione Everett

George Miller è un regista visionario quando fa film “Mad Max”. Il resto del tempo, non tanto. Il suo grande adattamento vuoto di un A.S. La storia breve di Byatt è una favola a più livelli che attraversa la storia mentre la riduce a una sorta di negozio bric-à-brac troppo pieno. Tilda Swinton interpreta un “narratologo” represso (cioè, la storia si decostruirà da sola!), e Idris Elba è l’allegro djinn che le concede tre desideri. Potresti desiderare che questo lavoro d’amore fosse meno un lavoro da affrontare e che il climax romantico non sembrasse cadere completamente da un film diverso.

Total
2
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente
Libri bambini

I dieci migliori libri per bambini del 2022

Articolo Successivo
Nasa Stem

Studenti: Otto modi per entrare nel programma STEM della NASA nel 2023

Articoli Correlati
Total
2
Condividi